Venezia e lo Spritz

Quando è nato lo Spritz? Chi lo ha inventato? Ecco qui qualche curiosità sull’amatissimo drink alcolico veneziano e i suoi ingredienti

In dialetto veneto è spriss o sprissetto: sulle origini del cocktail italiano più bevuto durante gli aperitivi molte sono le storie che si raccontano, alcune sono leggendarie e misteriose, altre più antiche.

Spritz
Lo Spritz, il cocktail più amato durante gli aperitivi

Tra queste quelle più note riguardano il ‘dove’ e il ‘quando’ nacque lo Spritz; possiamo affermare che fu proprio grazie a Venezia e ai veneziani che questa bibita è diventata popolare in tutta la Penisola e oltre.

Venezia calle gondole
Le splendide calle veneziane, le gondole e i suoi gondolieri

Per molti lo Spritz nacque nell’800, durante il periodo della dominazione Asburgica.

Si dice che gli Austriaci iniziarono sin da subito a frequentare i locali e le osterie del Triveneto e a fermarsi a consumare presso i famosi bàcari[1] veneziani.

Imbattendosi nei corposi vini veneti ed essendo abituati a bere quelli poco alcolici e di poca struttura delle loro zone, iniziarono a chiedere agli osti di spruzzare un po’ d’acqua nel bicchiere per ‘alleggerirli’.

Venezia Ponte di Rialto
Il Ponte di Rialto a Venezia

Il termine Spritz sarebbe di origine tedesca e deriverebbe dal verbo spritzen, ovvero ‘schizzare’, ‘spruzzare’; secondo altri questo nome sarebbe invece legato a quello di un vino austriaco tipico della regione del Wachau.

Ma l’usanza di mescolare il vino con l’acqua non è sicuramente austriaca; già ai tempi dei Greci il vino non veniva bevuto in purezza, come anche presso i Romani e in epoca medievale.

LEGGI ANCHE IL POST SULLA CULTURA DEL SIMPOSIO

Gli Asburgici, quindi, non avrebbero inventato nulla visto che anche i veneti allungavano con l’acqua i loro vini rustici e con alto tasso alcolico.

Un’altra storia che riecheggia tra le calli veneziane riguardo lo Spritz vuole protagonisti gli ‘arsenalotti’, ovvero gli operai del famoso Arsenale di Venezia[2].

Arsenale di Venezia
L’Arsenale di Venezia (Fonte: it.wikipedia.org)

All’epoca la città riservava un trattamento di favore a questi uomini: avevano paghe più alte, bonus in caso di malattia ed erano rivestiti di importanti cariche ufficiali[3].

Durante la pausa pomeridiana dal lavoro, gli arsenalotti solevano rinfrescarsi con pane e vino rosso nei mesi invernali, mentre durante l’estate accompagnavano un pane biscottato chiamato frisopo[4] ad una bevanda a base di vino allungata con un po’ d’acqua fresca.

Sembra dunque che l’antenato dello Spritz fosse già in voga nel XII secolo nel Cantiere di Stato veneziano.

Oggi a Venezia e nel Veneto non esiste una ricetta unica dello Spritz ma diverse varianti; quella più diffusa vede la presenza del Prosecco, spumante famosissimo nel mondo per le sue accattivanti bollicine.

LEGGI ANCHE IL POST SUL PROSECCO

Lo Spritz classico veneziano ha una base di vino con aggiunta di Aperol, Campari Bitter o Select[5] che gli conferiscono il caratteristico ed inimitabile colore rosso-arancio (circa 30%).

Alle bollicine del Prosecco (circa il 40% del drink) se ne aggiungono altre, quelle dell’acqua gassata o dell’Acqua di Seltz[6] o semplicemente di Seltz (circa il 30%).

Quest’ultima, diffusasi agli inizi del ‘900, è un’acqua con più CO2 addizionata tramite una bomboletta di gas collegata alla bottiglia e dal sapore acidulo.

Nelle varie zone del Veneto per la preparazione dello Spritz c’è chi usa i vini bianchi frizzanti, chi il Prosecco, chi i vini bianchi fermi; c’è chi usa i bitter, chi invece gli amari scuri come il Cynar o il China Martini.

Spritz Venezia
Uno Spritz a Venezia

A seconda della città in cui ci troviamo è dunque possibile gustare una versione di Spritz preferita, sviluppata nel corso del tempo e in base ai gusti dei consumatori.

Infine per guarnire il bicchiere dello Spritz si mette solitamente una fetta di arancia e qualche cubetto di ghiaccio, oppure troviamo una fetta di limone o un’oliva.

Esiste anche uno Spritz ‘bianco’ o ‘liscio’ con soli ghiaccio, vino e acqua.

A Venezia Centro Storico, oltre al classico Spritz, è possibile sorseggiare anche uno Spritz Hugo con il sambuco o uno Spritz con Centino, uno storico liquore rosso rubino a base di vino, vermouth, amaro e qualche scorza d’arancia[7].

LEGGI ANCHE IL POST SUI VINI AROMATIZZATI

Gondoliere calle veneziana
Scorci di Venezia

 

Post in collaborazione con AVM Holding e Venezia Unica

 

[1] l bàcari (o bacaréti) sono tipiche osterie veneziane a carattere popolare, dove si possono bere vini a calice (chiamati ómbre o bianchéti) e spuntini (i famosi cichéti), caratterizzati da pochi posti a sedere e da un lungo bancone vetrinato in cui sono esposti i prodotti in vendita.
[2] L’Arsenale di Venezia costituisce ancora oggi una parte molto estesa della città e fu il cuore dell’industria navale veneziana a partire dal XII secolo (Dante Alighieri, nel Canto XXI dell’Inferno, dedica bellissimi versi all’Arzanà de’ Viniziani). L’Arsenale è legato al periodo più florido della vita della Serenissima; grazie alle imponenti navi qui costruite, Venezia riuscì a contrastare i Turchi nel Mar Egeo e a conquistare le rotte del nord Europa.
[3] Gli arsenalotti venivano nominati guardiani nelle sedute del Maggior Consiglio all’interno della Loggetta progettata per loro da Sansovino ed erano i vogatori del Bucintoro, la galea di stato dei dogi di Venezia, sulla quale si imbarcavano ogni anno nel giorno dell’Ascensione per celebrare il rito veneziano dello sposalizio con il mare.
[4] Il frisopo era una galletta a lunghissima conservazione, durissima che si ammorbidiva con l’aggiunta di acqua, olio, brodo o vino ed era il pane delle galee e dei galeoni veneziani. Non c’è traccia della ricetta originale; il termine frisopo (o bis-cotto) lascia intendere come venisse cotto due volte per ridurne al minimo il contenuto d’umidità.
[5] Il Select è una bevanda-aperitivo a base di 30 erbe aromatiche nato nel 1920 a Venezia nel sestiere Castello dalla distilleria ‘Fratelli Pilla & C.’ e attualmente prodotto dal Gruppo Montenegro S.r.l. In origine veniva bevuto liscio con l’aggiunta di soda o seltz, oppure miscelato in numerosi cocktail. Secondo alcuni appassionati, il Select è stato il primo aperitivo a essere utilizzato nello Spritz veneziano nella ricetta che, affermatasi negli anni Settanta, è oggi la più diffusa (Fonte: it.wikipedia.org)
[6] Sèlz (o sèltz) deriva da Seltz, nome francese della cittadina prussiana di Selters (più nota come Niederselters), dalla quale proviene l’omonima acqua minerale naturale (Eau de Seltz) – www.treccani.it
[7] Il Centino venne ideato da un barista di Pordenone, tale Bruno Redivo, e divenne il simbolo della movida veneta della metà degli anni ‘50.
fb-share-icon20
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto / Accept