Il Cirò di Vigneti Vumbaca

La nuova realtà vitivinicola di Vigneti Vumbaca e il ‘suo’ Cirò DOC

Della Calabria il gaglioppo è diventato un simbolo.

Uva dalle origini antichissime, è da sempre diffusa sulla costa adriatica e poi ionica, dalle Marche fino alla punta sud della Calabria.

Il nome ‘gaglioppo’ deriva quasi sicuramente da un termine greco che significa ‘bellissimo piede’, dove per ‘piede’ si intende il rachide e quindi per estensione l’intero grappolo.

Gaglioppo uva grappolo Cirò
Grappolo di gaglioppo

Una definizione appropriata perché la vista dei grappoli maturi di gaglioppo è davvero appagante anche a livello estetico.

Il gaglioppo è il vitigno storico con cui da secoli si produce il mitico Cirò, il vino degli atleti della Magna Grecia, nato proprio qui nella colonia di Krimisa (o Crimissa).

Gaglioppo grappoli uva Cirò Calabria
Uva gaglioppo

Il Cirò era chiamato infatti ‘Cremissa’ e divenne il vino ufficiale delle Olimpiadi; a quanto sembra sarebbe stato una sorta di moderno sponsor, offerto come premio ai vincitori dei giochi e amato dal grande Milone di Crotone.

Si dice che la vite a Cirò sia arrivata ben prima dei Greci, addirittura coi Fenici; tra miti e leggende la zona del cirotano fu senza dubbio fiorentissima a livello vitivinicolo e di grande importanza nel mondo antico.

In questo territorio baciato dal mare e dal sole, gli abitanti di Cirò hanno fatto di questa loro cultura e di questo loro patrimonio l’impronta digitale enologica della Calabria.

Gaglioppo grappoli uva Calabria Cirò
Gaglioppo, simbolo della Calabria enologica

Qui molte famiglie possiedono una vigna che viene tramandata di generazione in generazione e che rappresenta le proprie radici.

Anche Christian Vumbaca ha sentito quel ‘richiamo alla terra’ che lo ha riportato dopo tanto tempo a Cirò per produrre il ‘suo’ vino: è nata così l’azienda Vigneti Vumbaca.

Dopo circa 15 anni trascorsi a Roma tra studi universitari e lavoro in un prestigioso studio legale, Christian è rientrato in Calabria per seguire l’attività creata dalla mamma Silvana e dallo zio Enzo.

Prima di questa avventura, Christian ha lavorato per un’altra cantina cirotana e proprio nel 2019 ha deciso di iniziare a trasformare le sue uve dando vita a Vigneti Vumbaca.

L’azienda si trova a Cirò e si estende su una superficie di circa 13 ettari, di cui 6 sono vigneti.

I sistemi di allevamento sono a cordone speronato e alberello, su terreni in parte collinari di medio impasto argilloso-sabbioso e argilloso-calcareo. E il tutto è a conduzione biologica.

Vigneti Vumbaca si prende cura delle uve come si faceva un tempo; passione e rispetto della natura sono i suoi punti di forza.

Ha ripristinato le tradizionali coltivazioni ad alberello, che è proprio il simbolo del logo aziendale; i vitigni sono tutti autoctoni: il gaglioppo, il greco bianco, il magliocco e il pecorello.

LEGGI ANCHE IL POST SUL MAGLIOCCO

Dal gaglioppo in purezza nascono due delle sue tre etichette: il Cirò Rosso Classico Superiore e il Cirò Rosato.

Etichette Cirò DOC Vigneti Vumbaca
le tre etichette del Cirò DOC di Vigneti Vumbaca

Il primo è di un rubino scarico ma luminoso, sprigiona frutta rossa sotto spirito, amarene polpose, mirto, piacevoli speziature e profumi balsamici di erbe aromatiche.

Di buon corpo, si fa bere bene grazie al tannino smorzato da una delicata freschezza.

Cirò DOC Rosso Classico Superiore Vigneti Vumbaca
Il Cirò DOC Rosso Classico Superiore di Vigneti Vumbaca

Questo gaglioppo proviene da vigne vecchie di 45 anni situate in località Sant’Anastasia, zona storica di produzione del Cirò Classico, su terreni argilloso-calcarei.

Dopo la vendemmia a mano e la pigiatura, macera sulle sue bucce circa 10 giorni e affina in acciaio circa 13 mesi e 2 in bottiglia.

Cirò DOC Rosso Classico Superiore Vigneti Vumbaca
Cirò DOC Rosso Classico Superiore di Vigneti Vumbaca in abbinamento ad un piatto calabrese di rape e salsiccia

Il Cirò Rosato di Vigneti Vumbaca si presenta invece vestito di un bel color corallo; ha un naso fresco fatto di note floreali di violetta di prato, fruttate di melograno e fragoline di bosco.

Spiccano anche sentori iodati e di erbe aromatiche come il rosmarino e la salvia, con un pizzico di pepe nero.

All’assaggio la sua bella acidità si riflette in un sorso pieno e fresco, sapido, con un leggero finale amarognolo.

La grande scritta Cirò, volutamente retrò in stile anni ’70, campeggia anche sull’etichetta del vino bianco ottenuto da uve di greco in purezza da vigneti posti a 70 metri s.l.m.

Cirò DOC Bianco Vigneti Vumbaca
Il Cirò DOC Bianco di Vigneti Vumbaca

Giallo paglierino tenue esplode con profumi di fiori bianchi e gialli, ginestra e camomilla fresca, fruttati ed agrumati di pesca nettarina e scorzetta di lime, di erbe aromatiche con tocchi minerali e di pepe.

Anche al sorso è elegante, freschezza e sapidità avvolgono il palato lasciando in bocca una delicata scia aromatica floreale.

Vigneti Vumbaca è una delle molte realtà calabresi che è entrata a far parte dei Vignaioli Indipendenti FIVI.

Cirò DOC Rosso Classico Superiore Bianco Rosato Vigneti Vumbaca
Cirò DOC Rosso Classico Superiore, Rosato e Bianco di Vigneti Vumbaca
Contatti e riferimenti

Christian Vumbaca

Tel. 388.9320696

fb-share-icon20
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto / Accept