I petràli di Bova

Sono bellissimi da vedere e deliziosi da gustare: i petràli, dolci della tradizione natalizia della provincia di Reggio Calabria e dell’area grecanica

I petràli sono deliziosi dolci natalizi diffusi nella provincia di Reggio Calabria, specialità che hanno una lontana tradizione e legate al mondo antico. Ne esistono due varianti, una chiusa e una aperta, a seconda delle zone. Quelli che si preparano a Bova (RC), capitale dell’area grecanica, sono aperti e formano dei bellissimi cestini ripieni di prelibatezze.

I petràli vengono chiamati pretàli (anche con le varianti pratàli, pitràli o protàli); basandoci sulla loro forma di “contenitori” potrebbero risalire forse etimologicamente ad una festività ateniese (i protélia) durante la quale i genitori di una giovane sposa recavano in dono alla divinità delle offerte prenuziali, e che precedeva in ordine temporale quella dei gamélia, che ricadeva nel mese di gennaio, cioè il mese delle nozze.

Essendo dicembre vicino a gennaio, si potrebbe ipotizzare che questi riti greco-pagani si siano trasformati in usanze cristiane e che i petràli siano oggi dolci legati alle feste natalizie. Ciò dimostrerebbe ancora una volta come e quanto la Grecia di Calabria custodisca gelosamente cultura e identità millenarie.

La maggior parte sostiene invece che i petràli nascano dalla fantasia di un prete e della sua perpetua: quest’ultimo, non avendo nulla da regalare per Natale “inventò” questi dolci che furono apprezzatissimi, e da qui il nome di pretàli. Simili alla versione chiusa a mezzaluna che si fa nel reggino sono le nepitelle catanzaresi (i nepiteddi) o le chinulille cosentine (chjnulille).

La bontà di questi dolcetti “poveri” ma squisiti sta nel suo ripieno che è invece ricco e variegato: dalla frutta secca alla scorzetta di agrumi e alle spezie, tutto concorre al sapore natalizio dei petràli. La pasta con cui vengono realizzati i cestini è a base di farina, lievito, uova, strutto o olio di oliva, zucchero e vino bianco liquoroso.

Fichi secchi di Calabria
Fichi secchi di Calabria

L’interno dei petràli è fatto di fichi secchi, noci, mandorle, buccia di mandarino grattugiata, il tutto amalgamato con vino cotto e miele e aromatizzato con cannella e chiodi di garofano. Esternamente sono decorati poi con cordoncini di pasta e impreziositi da confettini colorati.

Vi posto qui la ricetta dei petràli di Bova se volete provare a prepararli, anche se ognuno ne ha una sua personale e segreta. Buon impasto!

Petràli o pretàli
I petràli (o pretàli) di Bova (Rc)

PETRALI (O PRETALI) DI BOVA

Ingredienti

Per la pasta:

  • 1 kg di farina 00;
  • 2 bustine di lievito per dolci;
  • 4 uova;
  • 250 gr. di strutto:
  • 300 gr. di zucchero;
  • 2 bicchierini di anice o vino bianco liquoroso;
  • 1 buccia grattugiata di limone

Per il ripieno:

  • 500 gr. di mandorle;
  • 200 gr. di noci;
  • 500 gr. di fichi secchi;
  • un pizzico di cannella e di chiodi di garofano in polvere;
  • buccia grattugiata di uno o (meglio) due mandarini;
  • 600 gr. circa di miele, preferibilmente millefiori o d’arancia
  • 2 bicchieri di vino cotto
  • confettini o codette di zucchero colorati

N.B. Il ripieno conviene prepararlo la mattina e non la sera precedente, altrimenti raffreddandosi, rischia di indurirsi troppo.

Procedimento

Prendere i fichi secchi, farli ammorbidire in acqua bollente per qualche minuto, asciugarli e sminuzzarli. Dopo aver pelato le mandorle e le noci, tostarle per qualche minuto; aggiungere le mandorle e le noci ai fichi secchi e amalgamare il tutto con il vino cotto e il miele fino ad ottenere un bell’impasto omogeneo. Aggiungere la buccia di mandarino grattugiata con la cannella e i chiodi di garofano e porre tutto per qualche minuto sul fuoco finché il miele non si scioglie e lasciare riposare l’impasto. Preparare la pasta frolla e una volta stesa ritagliare, con l’aiuto di un coppapasta o di un bicchiere largo, dei tondini del diametro di 10 – 12 cm. Porre un cucchiaio del ripieno su ogni tondino in modo da riempirlo e completare chiudendo con i cordoncini di pasta a mò di cestino. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C finché i petràli non si saranno dorati e decorare con i confettini o le codette di zucchero colorati.

Petràli di Bova (Rc)

2 thoughts on “I petràli di Bova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto / Accept